Dragon Ball: The Breakers - Hands-on

Scappare da un cattivo non è mai stato così divertente!

di Graziano Ferilli / mercoledì 22 dicembre 2021 / Hands-on

I videogiochi basati sull'animazione giapponese seguono molto spesso una linea guida già scritta dal genere a cui appartiene l'anime (o manga) in questione. Non ci si allontana molto dai concetti rappresentanti lo spirito dell'opera, e tale scelta viene fatta a giusta ragione, dato che i fan delle produzioni di turno, se nello specifico videogiocatori, vogliono vivere l'ebbrezza del prodotto in prima persona, quasi come se facessero parte del cast dei personaggi, primari o secondari che siano. Non ve lo nascondiamo, a questa categoria apparteniamo in gran parte anche noi, ma non saremmo onesti se non vi dicessimo che l'annuncio di Dragon ball: The Breakers del mese scorso ha destato in noi enorme felicità, ma anche qualche giusto sospetto.

Dragon Ball: The Breakers è un vero e proprio twist della formula battle royale, in cui sette umani vengono letteralmente lanciati in una enorme mappa di gioco contro un singolo nemico, generalmente uno dei cattivi principali della serie animata di Dragon Ball. Per il momento l'unico cattivo disponibile è Cell, ma Bandai Namco e Dimps hanno già promesso l'aggiunta di altri nemici man mano che lo sviluppo del gioco andrà avanti. Nonostante il suo annuncio di uscita nel prossimo 2022, abbiamo avuto modo di provare la Beta Chiusa, che ha confermato alcune preoccupazioni e ha acceso molte speranze. Prima di tutto togliamo di mezzo la questione più grossa: è un gioco divertente? La risposta è inequivocabilmente un bel si! Dragon Ball: The Breakers, nonostante la sua formula sicuramente astrusa e inedita tra le fila dei videogiochi della serie, risulta un titolo fresco e divertente, ma non senza alcune piccole cose che andrebbero riviste e corrette. La mappa di gioco è grande e capiente, in grado di contenere comodamente ben più di soli 7 umani e un nemico principale. Tutta la mappa è divisa in sei zone, catalogate con le prime cinque lettere dell'alfabeto e con la lettera Z, posizionata nel mezzo delle altre cinque. La Zona Z è il punto principale di riferimento per tutti i giocatori, sia per i buoni che per il cattivo. Gli umani hanno il preciso compito di raccogliere in giro per le zone ben cinque chiavi da collegare a dei trasformatori che daranno energia a una macchina del tempo nella zona Z.

Una volta collegati tutti i trasformatori sarà possibile avviare la suddetta macchina del tempo e scappare da Cell, vincendo la partita. Ogni chiave collegata alla macchina del tempo garantisce 10% in più di velocità di carica all'avvio del dispositivo per fuggire, per un massimo complessivo del 50%. Cell, dall'altra parte, ha il preciso compito di distruggere tutto o uccidere tutti gli umani prima che scappino. Se Cell riesce a distruggere la macchina del tempo e ci sono ancora sopravvissuti, l'unica cosa rimasta da fare è il classico combattimento per tenersi cara la pelle... O perire provandoci. Chi conosce bene la serie di Dragon Ball non avrà bisogno di sentirsi dire come tale formula, seppur interessante e simpatica, sia indubbiamente sbilanciata a favore del cattivo: Cell è, al momento di queste battute riferite alla beta del 4 e 5 Dicembre, esageratamente forte. È in grado, ad ogni trasformazione, di distruggere una zona a piacimento, così come è in grado di individuare gli umani volando e di vincere la partita nel giro di una manciata di minuti, anche se rimasto indietro con la crescita del personaggio che, a differenza degli umani, sale di livello passivamente e non necessita per forza di oggetti o potenziamenti raccolti in giro per la mappa.

Gli umani, dall'altra parte, hanno molti più strumenti utili per sopravvivere. Il pre-set che il gioco offriva ai giocatori constava di 4 oggetti (divisi in Cortina Fumogena, Rampino, Capsula Saiyan e la Trasformazione in un oggetto, stile Prop Hunt di Garry's Mod) e tre trasformazioni pre-impostate man mano che si raccoglievano strumenti in giro per la mappa. Le tre trasformazioni, però, non erano mai più forti di Cell, dato che trasformavano il nostro personaggio in, a seconda del livello, Piccolo, Vegeta e Goku. Il neo di questa scelta è che tutti e tre i personaggi erano stati impostati per funzionare come se appartenessero ai tempi della saga dei Saiyan, quindi molto meno potenti di Cell, rendendo il conflitto tra le due fazioni completamente sbilanciato a favore del cattivo. Ulteriore aumento di difficoltà è attribuito anche al fatto che la durata delle trasformazioni degli umani è completamente limitata, e i punti vita delle trasformazioni combaciano con il loro tempo di utilizzo, rapidamente decrescente. Scelta buona sulla carta, ma in esecuzione, ancora una volta, sbilanciata.

Queste mancanze e imprecisioni non devono però scoraggiare il curioso dal vivere un'esperienza come Dragon Ball: The Breakers. Sotto la superficiale impressione di un ulteriore gioco che segue la formula del Pay To Win si nasconde in realtà un'esperienza davvero divertente da vivere con amici, che rende ogni partita dinamica e fresca quando nei panni di un umano e interessante quando nei panni di Cell. Ad aggiungere pepe al tutto c'è anche la possibilità di raccogliere le sette sfere del drago per poter evocare Shenron e ricevere ulteriori aiuti per il resto della partita. A parte ciò, comunque, ogni match dura all'incirca 15 minuti, quindi è tutto piuttosto veloce e indolore, anche quando si perde.

Dragon Ball: The Breakers è vistosamente in stato embrionale: nonostante l'attenzione al dettaglio perfino negli elementi cosmetici (già presenti nella beta), della presenza di numerosi shop e di un ottimo sistema di personalizzazione sia del personaggio che del suo vestiario, è un titolo con un estremo bisogno di più tempo di sviluppo. Alla base resta divertentissimo, ma c'è sicuramente necessità di migliorare qualche sbavatura qui e là. L'idea resta comunque una delle più simpatiche di questi anni e non vediamo l'ora di vedere come si evolverà!

Pro

- Concept estremamente divertente

- Gli umani sono davvero simpatici da utilizzare

- Enormi possibilità di personalizzazione

Contro

- Un po' troppo sbilanciato a favore del cattivo

- La beta non spiega molto bene come si gioca

- Poche opzioni per fuggire come si deve

Vuoi segnalarci un errore? Scrivici qui!

Scheda

  • Sviluppatore / Dimps
  • Produttore / Bandai Namco Entertainment
  • Doppiaggio / Giapponese
  • Sottotitoli / Inglese
  • Giocatori online / 1-8

Multiplayer, Asimmetrico, Battle Royale, Azione, Esplorativo su PC, Xbox One, Xbox Series X/S, PlayStation 4, PlayStation 5, Nintendo Switch

Pegi 12

Social Net

Ultimi Commenti